Per un forte raffreddore ho assunto autonomamente il tachifluidec; del tutto incosapevole del contenuto del farmaco (fenilefrina cloridrato) e dei suoi effetti collaterali, ho consumato l'intera confezione in soli 4 giorni. Precisiamo che sono ipertiroidea e che soffro di pressione bassa. Dopo qualche ora dall'ultima somministrazione ,ho iniziato ad avvertire senso di vertigini, di CONFUSIONE, d'ansia e di panico, nausea, taticardia, pressione molto alta e stanchezza; ho consultato il medico che mi ha prescritto Alprazolam e delle flebbo di soluzione fisiologica... Sono 3 giorni che non sto assumendo più nulla. Ho letto su internet che la fenilefrina tocca i nervi, li eccita; mi sento come "ubriaca". Mi rivolgo a voi per avere un ulteriore conferma e per chiedervi inoltre quand'è che il mio corpo riuscirà a disintossicarsi completamente, sono letteralmente distrutta! Vi ringrazio in aticipo!